RIMED Management GmbH · Steinhauserstrasse 70 · 6301 Zug · Tel. +41 41 785 09 77 · Fax +41 41 785 09 78 · info@radnet.ch

icon

Terapia del dolore guidata dalla TC per la colonna vertebrale 

Le infiltrazioni nella zona delle articolazioni vertebrali e la terapia del dolore in prossimità del nervo o in prossimità del canale spinale (intervento periradicolare o epidurale) hanno dimostrato da tempo di essere il primo e più semplice metodo di trattamento. Questa opzione è spesso utilizzata per i disturbi cronici o acuti della colonna vertebrale lombare o cervicale.

Nella maggior parte dei casi, è necessario effettuare un imaging precedente, come la risonanza magnetica o la TAC della regione interessata, soprattutto per una pianificazione precisa e la documentazione di eventuali referti secondari. Prima dell'infiltrazione, il paziente viene informato sulla procedura e su eventuali rischi ed effetti collaterali in una discussione esplicativa, nell'ambito della quale eventuali domande ricevono le dovute risposte. Come prerequisito, necessitiamo dei valori di coagulazione del sangue come trombociti e Quick/INR.

Il trattamento viene effettuato principalmente in posizione prona. Dopo una serie di immagini di orientamento per una panoramica, il medico pianifica la procedura, determina il percorso di accesso e seleziona il materiale appropriato. Dopo la disinfezione locale e l'anestesia locale, la procedura stessa sul paziente richiede solo pochi minuti. Il controllo ripetuto dell'immagine della posizione dell'ago consente un posizionamento molto preciso e riduce al minimo le possibili complicazioni. Tuttavia, è molto raro che si verifichino piccole emorragie locali, che di solito si riassorbono da sole. Di solito viengono somministrate una combinazione di farmaci antinfiammatori (corticoide) ed un anestetico locale.

L'intero trattamento dura circa 20 minuti. Dopo una breve fase di monitoraggio il paziente può di solito tornare a casa senza alcuna restrizione. Spesso i disturbi si risolvono già poco dopo la procedura.

Raramente, soprattutto la terapia periradicolare può portare alla debolezza della gamba o del braccio interessato. Si tratta di una reazione completamente normale dell'anestetico sommistrato localmente.

Occasionalmente sarà necessaria una ripetizione della procedura al fine di ottenere il massimo successo terapeutico.